Ugo GREGORETTI (regista)     "Il filosofo di campagna"  Caio Melisso   Spoleto 2002                          <<

 

“…Da giornalista televisivo sono diventato regista di cinema. Attraverso il cinema ho imparato il mestiere di regista. Quando sono tornato in televisione ho sviluppato questa nuova esperienza di narratore cinematografico ed ho puntato non sull’inchiesta giornalistica, ma su quella dei cosiddetti sceneggiati,cioè la “fiction” televisiva come si dice oggi…”

 

Nella sua carriera ha firmato la regia di opere liriche e teatrali, di trasmissioni televisive, dei film degli anni sessanta, degli sceneggiati televisivi, del cinema militante.  

Ugo Gregoretti, maestro della satira di costume e antesignano del multimediale.  Un documento del 1975, un “dietro le quinte” dello stesso Gregoretti che ci spiega – 25 anni fa – l’utilizzo delle allora “nuove” tecnologie. Il backstage de “Le uova fatali”, uno sceneggiato  tratto dal romanzo di Mikail Bulgakov. Gregoretti ha usato la tecnica del “KromaKey” al servizio della narrazione e non l'effetto speciale fine a se stesso, come spesso accade oggi con le più sofisticate tecnologie.

“Omicron” un film del 1963 che per la sua tematica, la sua pungente satira di costume e la sua sconcertante attualità, potremmo definirla un opera che guardava e vedeva nel futuro.

  __________________________________________________________________________________________

 

Regista cinematografico, televisivo, teatrale e operistico, nonché

giornalista e sceneggiatore, è nato a Roma nel 1930.

 

Nella sua carriera ha diretto per quattro anni il Teatro Stabile di Torino e per dieci anni la rassegna teatrale “Benevento città spettacolo”, da lui anche fondata. È stato, inoltre, presidente per sei anni dell’Accademia Nazionale di Arte drammatica “Silvio D’Amico” e recentemente dell’ANAC, la storica Associazione Nazionale degli Autori Cinematografici.

 

Opere cinematografiche

I nuovi angeli (1961), Il pollo ruspante episodio di Rogopag (1963), Omicron (1963), Le più belletruffe del mondo (1963), Le belle famiglie (1965), Apollon: Una fabbrica occupata (1969), Contratto (1970), Vietnam: Scene del dopoguerra (1975), Maggio musicale (1989).

 

Programmi televisivi

La Sicilia del Gattopardo (1960), Controfagotto (1960), Il Circolo Pickwick (1968), Le tigri di Momprace (1963), Il cappello di paglia di Firenze (1974), L’italiano in Algeria (1975), Le uova fatali (1976), La casta fanciulla di Chea Pside (1977), Tre ore dopo le nozze (1978), Ma che cos’èquest’amore (1979), Straparole (1980-1), Viaggio a Goldonia (1982), Inside Naples (1984).

 

Regie di prosa

Il bugiardo di Goldoni (1978), Dai proviamo di Satta Flores (1978), La battaglia di Benevento del Guerrazzi (1981), Il matrimonio di Figaro di Beaumarchais (1982), Caro Petrolini (1983), La cantatrice Calva e Le sedie di Ionesco (1984).

 
Regie di opera

Il Matrimonio segreto di Cimarosa (Comunale di Firenze, 1977), L’Italiana in Algeri di Rossini (Regio di Torino, 1979), L’Histoire du soldat di Stravinskij (Piccola Scala, 1981), Il Matrimonio al convento di Prokofiev (Maggio Musicale Fiorentino, 1982), La Bohème di Puccini (Regio di Torino, 1983), La bella Galatea di Suppé, Il ritratto di Manon di Boyer, Il segreto di Susanna di Wolf-Ferrari (Malibran di Venezia, 1985), Il gallo d’oro di Rimskij Korsakov (Torino, Teatro Regio, 1986), Il viaggio del signor Mrougek sulla luna (Genova, 1987), Il Pepito di Offenbach (Cantiere di Montepulciano, 1987), Don Pasquale di Donizetti (Grand Théâtre di Ginevra, 1988), Le Convenienze e Inconvenienze teatrali di Donizetti (La Fenice di Venezia, 1988), Adina di Rossini (Opera di Roma, 1992), Il Barbiere di Siviglia di Paisiello (Teatro Comunale di Firenze, 1994), Pensa alla patria, ovvero: Rossini e la politica (R.O.F. di Pesaro, 1994), Il prigioniero superbo e La serva padrona di Pergolesi (Teatro Pergolesidi Jesi, 1997), Una favola per caso di Gregoretti e Sani(Teatro Massimo di Palermo, 1999), L’iscariota e Il capitan Spavento di Malipiero (Palermo, 2000).

 

Per il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto ha allestito Il Barbiere di Siviglia di Rossini (1984) e L’elisir d’amore di Donizetti in due versioni (1985 e 1994). Quest’anno, per la 56ma stagione lirica dello Sperimentale firma la regia de Il filosofo di campagna di Galuppi

 

TEATRI

TEATRO NUOVO

Cantanti LIRICI

SPETTACOLI

55° Stagione Lirica

FOTOVIDEO

56° Stagione Lirica

FOTO di scena

Il filosofo di campagna

<< indietro

LIRICA

Altre foto >>

Il sito è ottimizzato per Internet Explorer versione 4 o successiva - Risoluzione consigliata 800x600, caratteri medi

Copyright © FOTOVIDEOLAB di Riccardo Spinella - Tutti i diritti riservati - Listino prezzi

=---MOTORE---=    di ricerca interno

 - Web Master

 FVL